Erba sintetica

Un tappeto d'erba sempre verde in tutte le stagioni... non solo in giardino!

  • Posa facile realizzabile anche dall'utilizzatore finale.
  • Manutenzione praticamente inesistente.
  • Lavabile ed igienizzabile con prodotti per moquette e tessuti generici (testare prima dell'utilizzo).
  • Riduce il proliferare di zanzare ed insetti.
  • Adatta agli animali domestici.

Ovunque un tappeto d'erba naturale sia una pretesa difficile da ottenere o da mantenersi, l'erba sintetica è la soluzione ideale. Realistica e sempre In ottimo stato, l'erba sintetica non necessita di manutenzioni partiolari e dura per anni e anni, facendovi scoprire  nuovi utilizzi delle aree rivestite!

La realizzazione di giardini è senza dubbio lo scopo principale dei prati artificiali, ma non solo. I prati in sintetico possono essere utilizzati praticamente ovunque si desideri un tappeto con l'aspetto di un'erba!  Oltre che per giardini quindi l'erba sintetica trova una sua naturale collocazione In terrazze, balconi, bordi piscine e naturamente per parchi giochi dove la sofficità di questi prodotti riduce notevolmente le probabilità di traumi  scorticature dei praticanti.

Quale erba sintetica scegliere?

Chi si avvicini a questa tipologia di materiali rimane confuso dalla grande quantità di prodotti e soprattutto di particolari tecnici espressi. Spessori totali, altezza-sporgenza delle fibre, numero di colori utilizzati, composizione delle fibre, con intaso, senza intaso, peso totale, peso filati, D-text, scartamento. ecc...  Quanto dura? E' ignifuga?

Certamente quanto segue non pretende di essere la definitiva risposta ai mille interrogativi e dubbi ma una semplice "infarinatura" chirificatrice di alcuni termini che spesso sono utilizzati a riferimento di caratteristiche dei prati sintetici.

Le caratteristiche fondamentali sono poche ed intuitive.
Lo spessore totale è sicuramente quella più abbagliante, seguito dalla tipologia dei filati e dal numero utilizzato in riferimento alle varie tonalità, indice della ricercatezza con cui è stata progettata l'erba sintetica, specialmente se per uso decorativo e giardinaggio.
Ultima, ma solo nella sequenza, la resistenza alla luce solare.
Molti altri valori/responsi sono espressi nei dati tecnici ma questi sono spesso incomprensibili ai più e vogliono essere la ricetta, destinata a cuochi provetti: difficilmente incideranno nel quotidiano utilizzo dei prati sintetici se utilizzati per lo scopo per il quale sono ideati.

Spessore totale o sporgenza fibre, composizione dei filati, punti per mq e peso dei filati per mq. o D-Text sono sostanzialmente le caratteristiche da prendere in esame in quanto danno l'idea chiara ed immediata di come il prodotto sia tecnicamente strutturato.

La sporgenza è la lunghezza della fibra posta ad angolo retto partendo da lato superiore della  base. Quindi alla lettera "quanto sporge".
Lo spessore totale, come è facile intuire è la stessa misurazione prendendo a riferimento il piano di appoggio del prato sintetico, solitamente 2-3 mm in più della sprgenza.
Il D-Text rappresenta il peso espresso in grammi corrispondente a 10.000 m di filati utilizzati.
Questo può riferirsi ad un unico filamento od a composizioni di filati che andranno a tessere uno dei tanti punti necessari per realizzare il tappeto in prato sintetico.
Non infiammabile significa che i filati stentano ad alimentare le fiamme con tendenza a smorzarle.
Quindi se sottoposta a fonti di calore sufficienti (fiamme libere, mozziconi di sigarette, ecc.) l'erba sintetica si rovinerà inesorabilmente.
Diversamente la classificazione di reazione al fuoco è un esame svolto da azienda/ente ablitato a svolgere esami di questo genere, attestante la reazione che l'erba sintetica ha nei confronti di fiamme dirette. Questi test valutano il prodotto oltre che nella rapidità di combustione anche nell'emissione di sostanze prodotte da essa, classificando poi il prodotto in base al responso. Questo tipo di documentazione è richiesta sovente per l'applicazione all'interno di locali destinati al pubblico come alberghi, teatri, fiere, ecc. Non tutti i prodotti sono provvisti di questa documentazione per cui chi ritenga averne necessità è tenuto ad accertarsi in fase preventiva che l'erba sintetica scelta abbia le caratteristiche formali/buracratiche per l'uso che intende farne.
Per informazioni sulle normative che regolamentano la vostra attività e l'uso del prato sintetico nel contesto specifico, occorrerà vi rivolgiate a chi sovraintenda l'opera che andrete a realizzare od autorità/uffici tecnici preposti!
Il drenaggio è la caratteristica che permette dissipare i liquidi attraverso la base del prato sintetico. Detta anche permeabilità, nei prati sintetici professionali è supportata da fori praticati sul fondo. La quantità di liquidi che attraversano la base dell'erba sintetica è quantificata senza riempimenti di alcun genere e su basi che non limitino in alcun modo il passaggio dell'acqua. Quindi viene indicata come valore massimo e non come costante che si andrà a necessariamente a concretizzare una volta applicato il pavimento. Pendenze, riempimenti con sabbia/intaso e caratteristiche del fondo incideranno su questa performance, riducendola fino ad annullarla completamente se esempio si andrà ad applicare l'erba sintetica su guaina che immancabilmente, nell'aderire perfettamente alla base del prato, occluderà questi fori permettendo l'attraverso dei liquidi solo orizzontalmente, dal piano della superficie. Il drenaggio nell'erba sintetica è una caratteristica passiva che sfrutta semplicemente la forza di gravità terrestre. Per essere ottimizzata necessita di caratteristiche ed accorgimenti nella preparazione dei fondi. Alternativamente i liquidi sfrutteranno le caratteristiche del piano su cui è applicata per scaricarsi li dove pendenze ed altri fattori comandano.
L'intaso consiste nell'appicare sabbia e/o particolari granuli (uso sportivo) sulla superficie del prato sintetico. Questo tipo di finitura ha lo scopo principale di stabilizzare la superficie zavorrandola a consentirne uno sfruttamento che trascenda quello di un semplice tappeto srotolato in giardino. Quasi tutti i prati artificiali per giardinaggio hanno la cosiddetta "radice" composta da filati arricciati. Raccogliendosi alla base crea un sostegno ai fili d'erba dritti favorendone così il risollevamento della sporgenza. Questa ha senz'altro un riscontro esterico ma riguardo alla stabilizzazione del manto poco può. Sicuramente ovvio e condivisibile è non desiderare d'intasare il prato sintetico in terrazza o comunque dove una riflessione stabilisca l'infattibilità della cosa, ma ovunque possibile l'intaso permette l'utilizzo dell'area così come si sarebbe fatto in un giardino in erba naturale, consentendo di trascinare oggetti, giocare e comunque effettuare attività non consentite se solo poggiato come un semplice tappeto. Ove la logica lo permetta e naturalmente l'erba sintetica stessa, l'intaso deve essere da 10-15 mm e rimanere sotto lo strato della radice in filati arricciati. L'intaso è di fatto la tecnica principe per fissare i prati artificiali, in alternativa all'incollaggio totale. Senza questo avrete un semplice tappeto con l'aspetto di un prato e che dovrete utilizzare come tale. Oltre a stabilizzare l'area l'intaso coaudiova il risollevamento delle fibre facendo in concreto ciò che il filato a radice tenta di fare! Per quanto riguarda chi scrive, chiodi e fissaggi simili sono riservati al bloccaggio del fondo in TNT, estenderli alla superficie dell'erba sintetica è una soluzione che semplifica notevolmente l'argomento ma potrà dare luogo a diversi difetti estetici e strutturali, quando la principale motivazione risiede nel non lasciare oggetti contundenti nascosti nell'erba sintetica!

L'erba sintetica è di scena!

Manutenzione pressochè azzerata.

Il prato sintetico non richiede manutenzione e dura per anni senza particolari cure. Più tempo libero ed un aspetto curato duraturo. 

Stop alle spese.

Un unico investimento per gli anni a venire. L'erba sintetica non deve essere innaffiata ne tantomeno tagliata e la minima manutenzione può essere svolta da chiunque!

Perfetta in tutte le stagioni.

Estate, autunno, primavera, inverno... sempre perfetta In tutte lestagioni!

Riqualificare  le aree.

L'erba sintetica non sporca quindi il giardino, la terrazza, il parco giochi, i bordi piscine, sono fruibili come un grande tappeto su cui sedersi, sdraiarsi, giocare, senza temere di sporcarsi gli abiti e calzature. Un modo di riscoprire aree considerate secondarie o di mera servitù nell'abitazione o nell'attività.

Non solo in gianrdino.

L'erba sintetica altro non è che un tappeto tessuto con filati che imitano i fili d'erba. Questa caratteristica permette di collocarla praticamente ovunque si desideri che un prato funga da pavimento. Infatti il rivestimento di terrazze e balconi trova nell'arba sintetica una sua naturale

Ideale per giocare.

Anche per i più piccoli, l'erba sintetica è una superficie mordida sulla quale cadere. Riduce gli impatti da caduta così come un morbido tappeto sa fare!

Lavabile ed igienizzabile.

La caratteristica di "tappeto" dell'erba sintetica è estendibile anche alla pulizia.  Oltre che naturalmente dall'acqua  piovana e non, i prati sintetici possono essere igienizzati con prodotti utilizzati per la pulizia dei tappeti da interno. Naturalmente è consigliato testare i detergenti su di un angolo o un campione per verificarne la compatibilità con il vostro prato sintetico, attenemdovi alle istruzioni del detergente stesso.

Goditi lo spettacolo!

I prati sintetici

I prati sintetici - erbe sintetiche o artificiali, sono pavimentazioni  tessili caratterizzati dalla tessitura Tufted  che ricorda una U (UUUU). Questo tipo di tessitura è  utilizzata anche per realizzare la maggior parte dei tappeti e delle moquettes "velour-velluto".
Le classi sono sostanzialmente due e concettuali: le stuoie-tappetini e l'erba sintetica vera e propria "professionale", concepita per giardinaggio e utilizzi sportivi.


Dove utilizzare l'erba sintetica.

Per giardini ed auole!

L'erba sintetica è concepita prevalentemente per giardinaggio in sostituzione dell'erba naturale ostica nel mantenersi in condizioni ottimali o per creare giardini li dove sarebbe altrimenti impossibile.

Bordi piscine ed aree di svago!

Un tappeto dove poggiare sdrai ed obrelloni o direttamente i teli da mare.

Paesaggistica!

Oltre che al rivestimento di aree da viversi nel quitidiano, l'erba sintetica è utilizzabile in molte soluzioni paesaggistiche legate all'archiettura territorio.

Fiere, musei, tatri, mostre!

Molti prati sintetici possono essere utilizzati all'interno di strutture pubbliche in quanto corredate da documentazione di reazione al fuoco soddisfacenti questa caratteristica.

Per queste utilizzazioni si renderà necessario accertarsi preventivamente sull'esistenza dei requisiti necessari per l'utilizzo specifico!

Tappeti!

I prati sintetici sono di fatto delle moquettes con fibre resistenti all'esterno per cui niente di più scontato del ricavarne tappeti per gli utilizzi più disparati!

Terrazze e balconi!

I prati artificiali sono utilizzati da anni per ripavimentare terrazze a ricoprire piastrelle, guaine impermiabilizzanti e fondi cementizi.
Spazi di bars, ristoranti, alberghi: un prato sempre verde dove disporre tavolini od organizzare ricevimenti!

Infiniti motivi per utilizzo dell'erba sintetica!